CREDITO IMPOSTA SISTEMI SORVEGLIANZA

11/07/2019

A chi si rivolge il Bando ?

Il bando si rivolge alle imprese commerciali che intendono dotarsi di sistemi di sicurezza per affrontare il problema della microcriminalità.

Possono presentare domanda sul presente bando le imprese del commercio e della somministrazione di alimenti e bevande iscritte nel Registro delle imprese con sede o unità locale operativa nella Regione Marche.

Tra le imprese commerciali rientrano anche:

  1. a)    Attività di rivendita di generi di monopolio;
  2. b)    Farmacie e Parafarmacie;
  3. c)    Attività di vendita e distribuzione di carburanti effettuate in impianti stradali ed autostradali;
  4. d)    Attività di rivendita di stampa quotidiana e periodica;
  5. e)    Attività all’ingrosso e al dettaglio in un unico immobile;
  6. f)     Attività miste.

Agevolazione

Qual’è l’agevolazione prevista ?

Contributi in conto capitale fino ad un massimo del 40%.

Il contributo stesso non può superare € 5.000,00 per ogni impresa beneficiaria.

La spesa ammissibile riferita agli investimenti al fine dell’ottenimento del contributo, al netto di IVA, non può essere inferiore a € 2.500,00 (iva esclusa).

Tutte le spese devono essere relative a beni di nuova fabbricazione.

Non sono finanziabili gli investimenti mobiliari ed immobiliari, realizzati mediante operazioni di locazione finanziaria (leasing).

Scadenza

Qual’è il termine per la presentazione delle domande di contributo?

La scadenza prevista per le domande di ammissione è il 26 luglio 2019.

Interventi ammessi

Quali sono le spese ammissibili?

Sono spese ammissibili secondo il bando commercio della Regione Marche progetti relativi all’acquisto ed all’installazione di sistemi di sicurezza attivi o passivi agli esercizi commerciali, situati nel territorio della regione Marche, collegato o da collegare con le forze dell’ordine e/o istituti di vigilanza.

Nello specifico, si tratta di:

– collegamenti in video e/o con memoria degli eventi, diretti con le forze dell’ordine per la visualizzazione della rapina in atto, anche in presenza di istituti di vigilanza; sistemi antifurto (antintrusione) elettronici collegato ad istituti di vigilanza;

– sistemi passivi per la protezione dei locali (casse a tempo, blindature, vetri antisfondamento, lettore carte di credito).